In MEDIO ORIENTE/ PANE, PIZZA, TORTE SALATE

Pita, pane greco

pita

La pita è un tipico pane greco, dalla caratteristica forma circolare e piatta. 

Ricorda un po’ il pane arabo e il pane naan indiano;  è apprezzato in tutto il medio oriente e alcune varianti si possono trovare anche in Bulgaria eAlbania. 

pita, pane greco

Se ci pensiamo “piada” e “pizza” hanno la stessa etimologia di  pita

In tutti i paesi del bacino del mediterraneo nel corso della loro storia si è impastato la farina con l’acqua, si è fatta lievitare per realizzare una sorta di pane.

La pita sembrerebbe essere uno dei pani più antichi, già nota in  epoca babilonese, 4500 anni fa: sicuramente l’antenato del pane. 

L’impasto  è molto semplice, pochi ingredienti,  farina, acqua e lievito di birra e un pizzico di sale. Per renderla più soffice c’è chi aggiunge dell’olio extravergine di oliva.

 
Stampa
Pita
Porzioni: 8 pezzi
Ingredienti
  • 500 g farina 00 (metà 00 e metà semola rimacinata di grano duro)
  • 300 ml acqua tiepida
  • 15 g lievito di birra
  • 2 cucchiaini sale
  • 1 cucchiaino zucchero
  • olio extravergine di oliva
Istruzioni
  1. Sciogliere il lievito e lo zucchero nell’acqua leggermente tiepida.

  2. Aggiungete poi la farina, formate una fontana, versate l’acqua pian piano al centro, e impastate. Aggiungete anche il sale. 

  3. Ponete poi l’impasto in un contenitore oleato, copritelo e lasciatelo riposare e lievitare. 

  4. Quando l’impasto sarà raddoppiato, sgonfiatelo e dividetelo in otto palline uguali. 

  5. Schiacciate una pallina alla volta e stendetela col mattarello a cerchio, di circa 20 cm di diametro. 

  6. Se possibile, lasciate lievitare ancora i dischi di pasta per 30 minuti.

  7. Poi spennellateli con un po' di olio e infornate in forno già caldo a 250°C e cuocete per 5 minuti. 

Alternativa cottura in padella:
  1. Fate scaldare una piastra antiaderente, ungetela leggermente di olio con un tovagliolo di carta e cuocete il pane pita. 

  2. Non appena si formeranno le bolle sulla superficie, rigirate e cuocete anche dall'altro lato.

pita

 
La cottura tradizionalmente avviene in forno, ad una temperatura tra i 350°-450°. In Grecia e nel Medio Oriente la pita viene cotta in grandi forni a legna areati; questo fa si che l’impasto si gonfia al centro e può essere così  tagliato a metà e riempito come un  panino.

Per questo viene  detto  “pane con la tasca”, tasca che può esser riempita di ogni ben di dio… falafel, salse, verdure cruda, pesce o carne. Se si fan  sgonfiare diventa, invece, un ottimo accompagnamento di salse o insalate o anche come aperitivo.

La pita era nata originariamente proprio per questo utilizzo, raccogliere le salse; l’uso di tagliarla a tasca sembrebbe improprio, anche se ormai predominante.

La cottura nei forni casalinghi  è comunque valida  e, soprattutto d’estate, una valida alternativa è di cucinarlo su una padella sul fuoco. Come ho fatto io questa volta!

Ciao!

elisa firma

vi aspetto  su INSTAGRAMFACEBOOK e TWITTER

Facebook Comments

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply
    Elisabetta
    10 giugno 2017 at 9:24

    Mai fatta la pita in casa, anche se sono una fan della cucina greca. Ricordo con nostalgia l’estate trascorsa a Rodi e i suoi profumi e sapori. Proverò a rifarle nei prossimi giorni seguendo la tua ricetta, magari con la pasta madre. Ora che il caldo si fa sentire questo pane è l’accompagnamento ideale a fresche insalate.
    Buon fine settimana

    • Reply
      elisa di rienzo
      12 giugno 2017 at 13:41

      direi ottima idea!!!!
      buona estate a suon di pita!!!!!

      elisa

    Leave a Reply