Go Back

La Pinza, dolce dell'Epifania

Ricetta di un fornaio trevigiano
Portata: Dolce
Cucina: Veneta

Ingredienti

  • 250 g farina 0 Manitoba
  • 100 g farina mais gialla
  • 15 g lievito di birra (la ricetta originaria ne prevede 25 g) (o 1 bustina di istantaneo)
  • 350 ml latte
  • 25 g burro
  • 25 g strutto (o burro)
  • 75 g zucchero
  • 50 g marmellata di albicocche
  • 100 g mele
  • 120 g fichi secchi
  • 30 g pinoli
  • 70 g arancia candita
  • 150 g uvetta sultanina
  • qb grappa (facoltativa)
  • 1 bacca di Vaniglia
  • 1 pizzico sale
  • 50 ml acqua
  • qb semi di finocchio
  • qb pane grattugiato

Istruzioni

  • Scaldate il latte e appena inizia a bollire versate a pioggia la farina di mais e iniziate a fare una polentina. Cuocete circa 20 minuti. Poi fate raffreddare.
  • Mettete in ammollo l'uvetta sultanina,  volendo anche con la grappa o una miscela di acqua e grappa e tagliate tutta la frutta a pezzettini.
  • Mescolate in un una ciotola la farina bianca, la frutta secca e candita, lo zucchero, la marmellata e i semi della bacca di vaniglia.
  • Sciogliete completamente lo strutto (renderlo liquido come olio) e il burro (attenzione a non bruciarlo) e uniteli agli ingredienti. Unite anche la mela tagliata a cubetti.
  • Aggiungete il lievito di birra sciolto in un po' di acqua tiepida. (Se usate il lievito istantaneo per dolci unitelo direttamnte all'impasto). Aggiungete l'acqua restante un po' alla volta.
  • Unite ora anche la polentina e mescolate bene. L'impasto deve essere abbastanza morbido (a seconda delle zone c'è chi fa l'impasto più duro chi più liquido. Provate!)
  • Versate ora l'impasto in un stampo rettangolare unto con olio di oliva e ricoperto con un po' di pane grattugiato, che crearà una pellicola antiaderente anche sui fianchi dello stampo.
  • Livellate bene con spatola, arriverà a metà stampo, poi lasciate lievitare fino a che arriva ai bordi. Mettete i semi di finocchio sulla torta e informate. (Se invece avete usato il lievito istantaneo informate subito).
  • Cuocete a 180°/200°C per circa 65/75 minuti, fino a quando la superficie formerà una bella crosta compatta dorata (tradizionalmente anche un po' bruciacchiata nel forno a legna).
  • Fate intiepidire o raffreddare. Spolverizzate con zucchero a velo e servite, tagliata a quadrotti. Da accompagnare con un bicchiere di vin brulé.
  •  E' buona sia tiepida che fredda e si mantiene per alcuni giorni, meglio se conservata coperta da una pellicola così da conservare la consistenza umida.

Note

A seconda del vostro gusto abbondate pure con frutta secca e candita!!