Zighinì di manzo e spezie

Alla fine ho ceduto alla tentazione!!!

Eh già… era da un po’ che ci ronzavo attorno.. ma mi sembrava tutto così complicato, un po’ troppo impegnativo… ma poi ha prevalso la voglia di giocare, la voglia di avere stimoli per sperimentare sempre qualcosa di diverso.

Così mi sono decisa e mi son buttata nell’MTChallenge pure io!! Ogni mese una sfida diversa, una ricetta da riproporre, e poi un vincitore che lancia una nuova sfida, e via così!
Ma io non la voglio vivere come una sfida, assolutamente, se non con me stessa!

Il tema di questo mese, proposto dalle sorelle Chiara e Marta de La cucina spontanea é: lo spezzatino di carne!!!Quale proposta migliore per me che… non faccio mai lo spezzatino??!!??!!

E così mi son messa all’opera.
 
zighini-spezzatino

 

Undici le indicazioni da seguire, tra cui la cottura a fuoco lento, un buon sughetto e un “qualcosa” da pucciarci dentro, delle verdure, qualsiasi tipo di carne, ma una sola, massima libertà all’uso delle spezie, una ricetta della nostra trazione o del mondo.

Non avendo particolari tradizioni di casa da proporre mi sono buttata sulla cucina del mondo, che tanto mi diverte.

Ho scelto lo Zighinì, uno dei piatti più famosi della cucina etiope, ma anche eritrea e somala.

Uno spezzatino di carne che va servito con un particolare pane, l’injera, (una specie di crepe spugnosa e morbida).

Nella cultura etiope si dà molta importanza alla comunità e questo si riflette anche nel loro modo di mangiare, caratterizzato proprio da un vero e proprio rito di condivisione, che rappresenta un legame di lealtà e amicizia tra i commensali.

Viene preparato un piatto comune da cui attingere e i commensali strappano un pezzo di pane, l’injera appunto, con cui prendono il cibo che desiderano, proprio come fosse un cucchiaio.

 

Coloro che mangiano dallo stesso piatto
non si tradiranno l’un l’altro
detto etiope

 

Per la preparazione di questo spezzatino io ho usato carne di manzo, che ho cotto con pomodori, molte cipolle e una mix di spezie detta Berberé: zenzero, peperoncino, chiodi di garofano, coriandolo, fieno greco, pimento, pepe nero, cannella, cumino, trigonella, curcuma, paprika e noce moscata.
Se non lo trovate già pronto, vi spiego io come farlo.

Il pane injera, che andrebbe fatto con la farina teff, ma io ho usato un misto di altre farine, richiede 2 giorni di fermentazione, quindi bisogna preparo con anticipo.

In alternativa potete servirlo con del pane arabo.

zighini lo spezzatino di manzo e spezie

 

Zighinì di manzo e spezie
(per 4 persone)
Realizzata da: Elisa - il fior di cappero
Ingredienti
  • 800 g di scamone di manzo
  • 4 cipolle rosse
  • 1 spicchio d'aglio
  • 3 cucchiai di berberé (mix di spezie)
  • 100 g di burro (in alterantiva olio EVO)
  • 400 g di pomodori pelati
  • 4 bacelli di cardamomo
  • zenzero in polvere
  • olio EVO
  • sale
Istruzioni
  1. Taglia lo scamone a cubetti di 3 centimetri di lato. Sbuccia le cipolle, affettale finemente e trita l'aglio.
  2. Incidi i bacelli di cardamomo e pesta i semini in un mortaio fino a ridurli in polvere.
  3. Scalda una casseruola dal fondo spesso, aggiungi le cipolle e l'aglio e fateli rosolare con 6 cucchiai di olio per 7-8 minuti, finché le cipolle non iniziano ad imbiondire.
  4. Unisi il berberé.
  5. Aggiungi il burro a pezzetti e i cubetti di carne e lascia rosolare per 5 minuti.
  6. Unisci, poi, i pomodori pelati e tritati finemente, e un bicchiere di acqua calda.
  7. Mescola bene e regola di sale.
  8. Aggiungi la polvere di cardamomo e un pizzico di zenzero e prosegui la cottura della carne coperta e a fuoco basso per circa un'ora, eventualmente bagnandolo se necessario con altra acqua calda.
  9. Il sugo deve essere bello denso.
  10. Accompagnare con il pane injera.
  11. Un bicchiere di Nero d'Avola Siciliano potrebbe essere la scelta giusta per accompagnare questo piatto.

 

INJERA, IL PANE DELL’ERITREA
125 g di farina di 00
125 g di farina di mais
70 g di semola di grano duro
3 g di lievito di birra disidratato (io 25 gr di lievito madre)
250 ml di acqua tiepida
150 g acqua bollente
2 g di bicarbonato
(per 8-10 injera)

 
Mescola con una frusta, in una ciotola capiente, le 3 farine. Sciogli il lievito nell’acqua tiepida e versalo a filo sulle farine.
Mescola il tutto energicamente fino ad ottenere un una pastella omogenea.
Copri con una pellicola e lascia fermentare per 2-3 giorni a temperatura ambiente.
Dopo 2 giorni il composto sarà ricoperto di bollicine. Lavoralo con 150 ml di acqua bollente e il bicarbonato.
Mescola il tutto, fino ad avere una pastella simile a quella delle crepes.
Copri di nuovo con la pellicola e lascia riposare per l’ameno un’ora, dopo la quale, l’impasto si presenterà bello gonfio e pieno di bolle.
Usa un pentolino basso, rotondo, antiaderente: scaldalo molto bene e versa il composto fino ad ottenere uno stato di 3-4 mm (circa 65/70 gr di pastella).
Appena compaiono le bollicine in superficie, l’effetto spugnoso tipico di questo pane, copri con un coperchio e termina la cottura, in circa 2-3 minuti.
Il pane non deve prendere troppo colore.
Meglio non sovrapporle finché sono calde, perché tendono ad attaccarsi.
Una volto cotto, coprirlo bene con la pellicola o un canovaccio, per evitare che si secchino.

 

injera

SPEZIE BERBERE’
2 cucchiai di semi di cumino
1 cucchiaino di semi di cardamomo
1/2 cucchiaino di pimento
1 cucchiaino di fieno greco
1 cucchiaino di zenzero
1 cucchiaino di curcuma
1 cucchiaino di semi di coriandolo
8 chiodi di garofano
1 cucchiaino di pepe nero
5 cucchiaini di peperoncino
1 cucchiaino di sale
3 cucchiai di paprika
1/2 cucchiaino di cannella
1/2 cucchiaino noce moscata

Fate tostare, in un padellino antiaderente, i semi per un paio di minuti, mescolando.
Tieni sempre la finestra aperta e non inalare, perché si forma un “gas” molto forte.
Trita tutte le spezie con un macina-caffé e conserva il tutto in un vaso di vetro ben chiuso.
Lo puoi usare per accompagnare anche verdure e riso.
 
 
 
 
Commenti FB (se volete una risposta subito, scrivetemi nel form commenti, così ricevo la notifica)

28 Commenti

Unisciti alla discussione per dirci la tua

Taccuino di cucinarispondi
24 Gennaio 2014 a 17:46

Elisa! Pensa che questo è un piatto che io ADORO! L'ho fatto la scorsa settimana ma con il berberé gia pronto che mi porta sempre la mia collega che ha vissuto li e con il pane injera che ho comprato nel nogozio etiope a Roma (ne prendo sempre un po' quando capito a roma e poi li surgelo). Complimenti davvero, il tuo ha un aspetto fantastico!!!!!!
Ciao
Sandra

ilfiordicapperorispondi
24 Gennaio 2014 a 18:32
– In risposta a: Taccuino di cucina

ma dai??!! pensa che io non l'avevo mai mangiato!!
E' stata un ricetta nata da una ricerca di qualcosa di diverso, dal mondo, e mi aveva ispirato!
infatti è veramente buono!
Sentiamo che dice mio marito questa sera!!
ciao

Chiarapassionrispondi
24 Gennaio 2014 a 18:04

Elisa è un piatto che non ho mai provato e mi piace tanto scoprire nuovi sapori e nuove culture attraverso il cibo, e tu mi hai fatto venir fame e non è mica facile farla venire con un secondo a base di carne…bella anche l'ambientazione delle foto ma in questo tu sei maestra 😉
Ti abbraccio buon dolce w.e.

ilfiordicapperorispondi
24 Gennaio 2014 a 21:43
– In risposta a: Chiarapassion

Non lo avevo mai fatto nemmeno io prima… Ti dico solo che mia figlia stasera ha fatto scarpetta e con l'injera, che ha un gusto un po' particolare!!!
A me piace molto scoprire il mondo attraverso la cucina… Anche la cucina!
Per le foto, grazie…. Ma tutto da imparare!!!
Ciao

Silvia Ferranterispondi
24 Gennaio 2014 a 21:27

Elisa ma il fieno greco dove l'hai trovato e soprattutto di che sa!!!!!
Comunque deve essere buonissimo e poi quelle specie di crepes cos” spugnose….
Brava

ilfiordicapperorispondi
24 Gennaio 2014 a 21:48
– In risposta a: Silvia Ferrante

Il fieno greco (o trigonella) non ha proprio un sapore facile da dire…. Direi amaro, non particolarmente piacevole …
Pensavo di prenderlo in erboristeria invece, con mia gran sorpresa, l'ho trovato al supermercato, dove ci sono le spezie; c'era uno scaffaletto dedicato alle spezie più strane, o mix di spezie…
Non ci avevo mai fatto caso prima…
Ho letto che ha tantissime propriet‡ e ha moltissimi usi.
Lo zignin”… Da provare!!!!
Ciao

Angelica Mrispondi
24 Gennaio 2014 a 23:03

mi piace molto questa ricetta e ed anche gli ingredienti, alcuni molto particolari! complimenti!

ilfiordicapperorispondi
25 Gennaio 2014 a 9:17
– In risposta a: Angelica M

Grazie Angelica!
ciao

Simona Stentellarispondi
25 Gennaio 2014 a 5:54

Ma che bellissima proposta….direi che in questa sfida sei davvero partita alla grandissima!!! Brava Elisa!

ilfiordicapperorispondi
25 Gennaio 2014 a 9:17
– In risposta a: Simona Stentella

ehi, grazie!!
molto gentile!!!
senza dubbio mi sono divertita!!!
ciao

Irene Prandirispondi
25 Gennaio 2014 a 10:10

Brava! Io amo questo piatto e vado spesso a mangiarlo… Non conoscevo la ricetta del pane! Voglio proprio provarla. Senza sapere la tua ricetta anch'io mi sono ispirata a questo piatto, usando il berbere ma mantenendo alcuni elementi nostri. Complimenti!

ilfiordicapperorispondi
26 Gennaio 2014 a 17:01
– In risposta a: Irene Prandi

Sono contenta di averti fatto scoprire la ricetta del pane!!!
Interessante sicuramente la tua proposta!
Ciao!

Andrearispondi
26 Gennaio 2014 a 11:58

Cara Elisa, se sei un po' INsana di mente, hai fatto bene ad avventurarti nel pazzo mondo dell'MTC. Io mi ci diverto da un anno esatto! E anch'io per la sfida di questo mese ho proposto lo Zighin”! Ciao, a presto

ilfiordicapperorispondi
26 Gennaio 2014 a 17:03
– In risposta a: Andrea

Decisamente INsana!!!!! Ahaha!!!!
Vengo a vedere il tuo Zighini, allora!!
Ciao

La Cucina Spontanearispondi
26 Gennaio 2014 a 21:05

Devo dire che hai fatto benissimo ha decidere di partecipare, vedrai che ti divertirai e imparerai un sacco di cose nuove ogni mese. Inoltre hai inaugurato la tua partecipazione in una maniera splendida, questa ricetta mi piace davvero tanto!!Non conoscevo questo piatto etiope, ma leggendo la ricetta lo trovo davvero interessante. Speziato e saporito. Mi incuriosisce anche il pane, che sembra perfetto per raccogliere tutto il sughetto dello zighin”. Bravissima!

ilfiordicapperorispondi
27 Gennaio 2014 a 10:23
– In risposta a: La Cucina Spontanea

grazie! grazie veramente!!
devo dire che mi sono proprio divertita a pensare, realizzare e partecipare a questo "gioco"! veramente molto!
e sono felice di avervi fatto conoscere un nuovo patito, che anche per me è stata una piacevolissima sorpresa!
ciao

elisa

coccolatimerispondi
26 Gennaio 2014 a 22:23

ma che splendido piatto hai creato??? io non lo conoscevo per niente…e mi entusiasmano sempre i sapori nuovi e tipici ….e questo pane? parliamone!!!

ilfiordicapperorispondi
27 Gennaio 2014 a 10:24
– In risposta a: coccolatime

ma sai che buono che é???!!?
vero…anche il pane, particolarissimo, con questa "spugnetta"!!
ciaoooo
elisa

Alessandra Giorispondi
27 Gennaio 2014 a 11:01

Mi è venuta una gran voglia di provare il tuo piatto, che per me è una novit‡ assoluta! E il pane, poi, interessantissimo (non mi fermeranno quei tre giorni in frigo!!). 😀

ilfiordicapperorispondi
27 Gennaio 2014 a 11:15
– In risposta a: Alessandra Gio

dai, provalo e poi mi sai dire!!
ciao

elisa

Alessrispondi
27 Gennaio 2014 a 11:33

Fatto bene, ogni tanto la competizione ci sta, e che buono questo zighin” di manzo, brava!!

ilfiordicapperorispondi
27 Gennaio 2014 a 20:07
– In risposta a: Aless

Grazie!!!
Ciao

I SOGNI DI CLAUDETTErispondi
27 Gennaio 2014 a 18:30

Dalle foto mi sembra delizioso….ben fatto!! Complimenti è da provare…
buona sfida…ciao ciao da claudette

ilfiordicapperorispondi
27 Gennaio 2014 a 20:15
– In risposta a: I SOGNI DI CLAUDETTE

Ciao claudette,
Grazie!
Ti consiglio di provarlo… Per me è stata una bellissima sorpresa!

Alessandra Gennarorispondi
27 Gennaio 2014 a 19:38

Elisa, intanto benvenuta- e grazie, grazie, GRAZIE per averci regalato una ricetta cos”. Eseguita con interesse, amore, passione- e con un impegno che davvero ci onora. E' una prima partecipazione, ma hai lo spirito di una veterana. E le capaict‡ di una fuoriclasse. sono strafelice di averti con noi! Grazie infinite!

ilfiordicapperorispondi
28 Gennaio 2014 a 8:51
– In risposta a: Alessandra Gennaro

Grazie Alessandra!
Le tue parole mi hanno riempito di gioia!
Sono felice quando traspare tutto quello che ho effettivamente vissuto e provato.
Grazie! Mi avete dato un gran bello stimolo!
Ciao

lapetitecasserolerispondi
29 Gennaio 2014 a 2:21

Mi imbatto stasera nel tuo blog… mi sembra tutto bellissimo. .PuÛ darsi che questo spezzatino possa esser cucinato anche in Grecia? La mamma greca di un'amica lo faceva sempre… sono anni che non lo mangio, la tua ricetta mi ha fatto riportato alla mente i tempi del liceo e la signora greca che cucinava sempre…. cmq davvero complimenti, il tuo zighin” con relativo pane è una delizia per occhi e palato

ilfiordicapperorispondi
29 Gennaio 2014 a 11:16
– In risposta a: lapetitecasserole

sono felice di avrei riportato alla mente dei bei ricordi!!!
sinceramente non ti so dire se è un piatto che in grecia viene fatto "tradizionalmente" o se era solo una specialit‡ di quella brava mamma!
grazie per i complimenti… sei molto gentile!
a presto

elisa

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.