La creme caramel, quella vera

Di créme caramel esistono due versioni, quella buona e quella… con le bustine!
E lo ammetto,  per me creme caramel è sempre stato sinonimo di bustina, tanto che non la facevo mai.
Ma poi ne ho assagiata una fatta in casa: un altro mondo!!! Ma che bontà!


Non so perché ma ho sempre pensato che fosse un dolce complicatissimo, da piccolo alchimista. 
E’ un dolce che a me piace molto, con questo sapore delicato di vaniglia e con il caramello un po’ amaro, mi sono detta: proviamo a farlo come si deve! 
Ci voglio pochi ingredienti ma un paio sono indispensabili: ci vuole tanta calma e pazienza! 
E finalmente ho usato anche i nuovi stampini made in IKEA!   

LA CREME CARAMEL
500 ml di latte

100
gr di zucchero
4
uova
essenza
di vaniglia

150
gr di zucchero 

60
ml di acqua

In un pentolino versare il latte e la stecca di vaniglia incisa per la lunghezza. Far bollire, togliere dal fuoco e far riposare per circa 15 minuti, in modo che il latte prenda tutti i profumi della vaniglia.
Preparare poi il caramello, versando lo zucchero in un pentolino con 2
cucchiai di acqua e far cuocere  a fuoco dolce, finché diventa un
caramello ambrato. Togliere dal fuoco e distribuirlo subito sugli stampini.
Lavorare molto molto lentamente le uova con lo zucchero, cercando di non incamerare aria; il composto non  si deve gonfiare.
Versare a filo il latte aromatizzato e mescolare sempre con molta calma, finche non si ottiene un composto liquido e lucido.

Riempire gli stampini e metterli in una teglia a sponde alte riempita di acqua fredda, l’acqua deve arrivar metà stampino, non di più. 
Cuocere in forno caldo a 140-150°C  per circa un’ora e un quarto. 

La creme caramel è pronta quando la crema è rappresa ma ancora morbida. 
Lasciare
raffreddare la créme completamente nell’acqua e poi mettere gli stampini  in frigorifero, per almeno due o tre ore. 
Servire capovolgendo ogni stampino sul piatto.
Con questa ricetta ho preparato 6 porzioni.

Veniamo a trucchi e accortezze!
La cottura è la fase più delicata e fondamentale per una buona riuscita: più è bassa la temperatura del forno, e quindi più lunga la cottura, migliore sarà la riuscita del dolce.
Altrimenti si rischiano bolle all’interno e un colore poco lucido.
L’acqua poi non dovrebbe mai bollire durante la cottura: un trucchetto che ho letto (ma non ricordo dove) è quello di aggiungere dei cubetti di ghiaccio se necessario.
Fare poi grandissima attenzione che l’acqua non entri mai nello stampine: disastro assicurato!

Commenti FB (se volete una risposta subito, scrivetemi nel form commenti, così ricevo la notifica)

Condividi la tua opinione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.