Per un perfetto Mac & Cheese!

"La vita è una combinazione di pasta e magia."
 Federico Fellini
*
Il Presidente americano Thomas Jefferson importò la ricetta dei Macaroni and Cheese, di ritorno da uno dei suoi tanti viaggi in Europa, verso la fine del Settecento.
Prima della sua elezione visse in Francia per 5 anni, tra il 1784 e il 1789, e proprio durante questo soggiorno apprezzo molto la bontà della cucina continentale, tanto che tornò in patria in compagnia di uno chef francese.
Fece anche parecchi viaggi in Italia, restando affascinato dalla nostra cucina! E come dargli torto!

 

 

Una grande passione la ebbe per la pasta tanto da portare a casa, insieme allo chef, pure un torchio e si scrisse tutte le istruzioni per fare la pasta in America.
Rimase entusiasta di come veniva preprato questo piatto di “macaroni” tanto da farlo servire ad una cena di stato nella sua casa in Virginia.
Il 6 febbraio 1802 Manasseh Cutler, uno scienziato amico del Presidente, scrisse dopo aver pranzato alla casa Bianca:
“Un piatto chiamato macaroni mi fu servito. La superficie era una crosta dorata al cui interno vi erano pezzi di cipolla che avevo un sapore forte e non molto gradevole. Mr Lewis mi disse che mi sbagliavo: si trattava dell’impasto di farina e acqua mescolata ad una salsa dal sapore forte”.

Son passati due secoli e questa ricetta è molto radicata nella cultura statunitense, tanto da essere uno dei piatti più apprezzati e conosciuti e avere anche un giorno dedicato “National Macaroni and Cheese Day”!

ok.. è vero.. gli americani hanno un giorno dedicato per tutto..

 

Ho deciso di provare a farli!

Naturalmente ho seguito la ricetta di Martha Stewart!!
Per una ricetta a stelle strisce non potevo non seguire il suo libro di “Scuola di cucina”!!

 

Copyright © 2008 by Martha Stewart Living Omnimedia, Inc.
Immagine a uso promozionale del volume Scuola di Cucina, © 2014 Giunti Editore S.p.A.

La sua ricetta usa una variante classica della besciamella, ovvero la salsa Mornay, preparata incorporando la farina nelle cipolle fatte sudare nel burro per formare il roux, poi si aggiunge il latte e si lascia sobbollire la salsa fino a che non diventata cremosa.

Il formaggio grattuggiato è il tocco finale.
La besciamella, o qualsiasi salsa che usa la farina come addensante, andrebbe cotta per almeno 30 minuti, per far sì che le molecole di amido della farina abbiamo il tempo sufficiente per assorbire più liquido possibile e diventare bella liscia.
In questa ricetta la salsa viene cotta meno perché poi continua la cottura in forno, nella pirofila.
Potete personalizzare la ricetta con diversi tipi di formaggi, cercando comunque di equilibrare i sapori, erbe aromatiche o, come suggerisce Martha Stewart, anche con una fettina di pomodoro.

 

La pasta dev’essere di ottima qualità e va scolata al dente e sciacquata subito in acqua fredda, in modo da fermare la cottura e ed eliminare l’amido in eccesso, che tenderebbe a dare una consistenza collosa alla salsa.Beh, che ci crediate o no, o cercato per un’intera corsia di super-supermercato un pacco di maccheroni… niente da fare!!
Si vede che dalle mie parti non va… ho optato per i cellentani o cavatappi, che vengono spesso utilizzati in alternativa.
illustrazione fonte
MACARONI AND CHEESE

 

per la pasta:
225 gr di maccheroni secchi (io cellentani)
sale grosso

 

per il pangrattato:

6 fette di pane bianco a cassetta senza crosta

30 gr burro fuso

 

per la salsa e la copertura di formaggio:

45 gr di cipolla dorata a dadini

30 gr farina
800 ml di latte intero
55 gr di fontina grattuggiata
90 gr di gruyére grattugiato (1/3 a parte per la copertura)
170 gr di cheddar Bianco piccante (1/3 a parte per la copertura)
55 gr di parmigiano reggiano (1/2 a parte per la copertura)
pizzico di pepe di cayenna
un pizzico di noce moscata grattuggiata
burro per imburrare le pirofile
(dosi per 8 pirofile piccola basse da 170 gr o 1 grande da 1,4 litri)

Scalda il forno a 190°C e cuoci la pasta in acqua bollente salata per 3/4 minuti (deve risultare cotta fuori e poco cotta dentro).

Scolala e sciacquala sotto l’acqua fredda corrente e scolala bene.

Prepara il pangrattato frullando il pane a pezzettoni in un robot da cucina, versalo in una ciotola e aggiungi il burro fuso. Mescola bene.

Imburra le pirofile.

Prepara la salsa formaggio. Fai fondere il burro in una pentola da circa 4 lt a fuoco medio e fai stufare la cipolla fino a che non si traslucida, mescolando di tanto in tanto per circa 5 minuti. Incorpora la farina e cuoci, sempre mescolando con un cucchiaio di legno, fino a che sobbolle ma non diventa scura, circa 45 secondi.

Aggiungere latte e porta a sobbollire, mescolando con il cucchiaio di legno (raschia il fondo e le pareti per evitare che attacchi), finché è addensata, circa per 4 minuti

Unisci la fontina, 60 gr di gruyére, 150 gr di cheddar e 50 gr di parmigiano, mescolando finché sono completamente fussi e la salsa è bella liscia. Sale e pepe di cayenna e noce moscata.

Unisci la pasta alla crema e mescola molto bene. Versa nelle pirofile e cospargi in modo uniforme con i formaggi tenuti parte e poi con il pangrattato.

Se vuoi copri con delle fette di pomodoro o del timo.

Metti le pirofile su una teglia da forno e inforna finché sobbollono e il formaggio diventa bello dorato, circa 25-30 minuti.

Fai raffreddare per 5 minuti prima di servire.

 

 

Commenti FB (se volete una risposta subito, scrivetemi nel form commenti, così ricevo la notifica)

11 Commenti

Lascia un tuo commento, ti risponderò!

Cucina Teoricarispondi
5 Gennaio 2015 a 14:03

Adoro il mac & cheese anche se non lo faccio spesso, in parte perché trovo raramente il cheddar e poi perché è difficile trovare i macaroni americani. Adoro la crosticina croccantina che si forma sulla superficie e la cremosit‡ che si trova appena affondata la forchetta nella pasta!! Troppo buono
Ciao Isabel

ilfiordicapperorispondi
6 Gennaio 2015 a 13:33
– In risposta a: Cucina Teorica

infatti i macaoni non li ho trovati neppure io!!!
si devo dire che è una ricetta golosa!!!!!
ciao
elisa

Taccuino di cucinarispondi
5 Gennaio 2015 a 18:04

Buon anno Elisa! Anch'io non ho mai preparato il Mac & Cheese, da bambina però, quando andavo a cena dalla mia amica americana, ogni volta speravo che sua mamma ci preparasse questo piatto per cena! Lo trovo gustoso e molto "comfort food", inoltre proprio ora che mi sono regalata ben sei "cocotte" penso proprio sia arrivato il momento di farlo! Un abbraccio Sandra

ilfiordicapperorispondi
6 Gennaio 2015 a 13:34
– In risposta a: Taccuino di cucina

e allora non resa che provarlo Sandra!!!!
fammi sapere!!!!

Anna onthecloudsrispondi
6 Gennaio 2015 a 15:37

Adoro la pasta al formaggio! A volte mangio maccheroni e pamriggiano, nient'altro!
Devo provare questa ricetta che mi gusta tantissimo!
Buon anno Elisa!

ilfiordicapperorispondi
7 Gennaio 2015 a 8:21
– In risposta a: Anna ontheclouds

sono certa che ti piacer‡, allora!!
buon anno!
elisa

Anonimorispondi
7 Gennaio 2015 a 10:16

Ahhh macaroni gustosi, belli, buoni, io dovere fare 😛
andreadz

ilfiordicapperorispondi
10 Gennaio 2015 a 22:34
– In risposta a: Anonimo

Assolutamente!!!!

cooking rosarispondi
9 Gennaio 2015 a 14:51

E' sempre stata una ricetta che volevo fare, volevo mangiare ma non ho mai fatto!!
Ora con la tua ricetta chiss‡ che finalmente mi decida 😀
Le tue foto sono bellissime comunque 😉

ilfiordicapperorispondi
10 Gennaio 2015 a 22:35
– In risposta a: cooking rosa

Vai!!! Prova!
E grazie!
Ciao

Mac & Cheese | Ciliegine Rosserispondi
12 Aprile 2016 a 20:10

[…] ma alla fine la mia decisione è ricaduta su un grande classico della cucina made in USA,†il Mac & Cheese, ovvero i maccheroni al formaggio. Li avevo assaggiati anni fa, durante la gita di 5° superiore a […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.