VOV, liquore all’uovo Veneto: ricetta e storia

by elisa di rienzo

Il Vov è un antico liquore fatto con il tuorlo d’uovo, una sorta di zabaione liquoroso, nato alla fine dell’800 a Padova, un liquore che non mancava mai nel carrello dei nostri nonni.

Ha un color solare, un gusto così caratteristico difficile da dimenticare, sa di buono e genuino, ed è un liquore nato dall’esigenza di non sprecare, quando il “non sprecare” era necessario e sincero.

“Vini, liquori ed infusi” è il tema di questo mese per l’Italia nel piatto e questa è la mia proposta per Il Veneto! A fine articolo i link a tutte le altre proposte dalle diverse regioni d’Italia.

vov liquore uovo

La storia del Vov ha inizio a Padova

La storia del liquore Vov ha inizio a Padova nel 1845, in via dei Servi, un tratto della odierna via Roma, già allora strada centrale ricca di negozi, pasticcerie e caffè, tra cui quella di Gian Battista Pezziol che produceva cioccolata e confetteria.

La sua creazione partì da un nobile prodotto di scarto, in quanto Pezziol produceva soprattutto torrone, per la cui ricetta utilizzava l’albume di moltissime uova e, di conseguenza, gli restavano tantissimi tuorli in esubero, nonostante cercasse comunque di sfruttarli o di donarli.

liquore veneto vov

Decise così di trovare un utilizzo per quelli tuorli e prova a mescolarli con il vino Marsala, aggiungendo un po’ di alcol e zucchero per trasformarlo in un liquore all’uovo, che inizialmente si chiamava proprio “vovi“, ovvero uova in dialetto veneto.

Questa preparazione ebbe subito un grandissimo successo anche al di fuori del Veneto tanto che si decise di dargli un nome più adatto: nacque il VoV.

Vov

Nel 1856, dopo solo 11 anni dalla sua creazione, il VOV conquista tanti riconoscimenti tra cui il prestigioso brevetto con l’aquila a due teste degli Arciduchi d’Austria, in quel periodo nord Italia era governato dall’Impero Austriaco, con la principessa Sissi e  Francesco Giuseppe d’Austria.

Il Vov fin da subito fu riconosciuto come bevanda ricostituente, tanto che durante la Seconda guerra mondiale i soldati la scelsero come bevanda ufficiale.

Venne chiamata VAV ovvero “Vino Alimento Vigoroso” e invece che nella bottiglia di vetro veniva confezionato in cartone pressato vetrificato, per un più agevole trasporto.

L’azienda G.B. Pezziol divenne nel 1935 proprietà dei fratelli padovani Dalle Molle resi famosi anche per aver creato nel 1948, il celebre liquore al carciofo Cynar. Nel 1955 fondarono il Gruppo Grandi Marche Associate in cui confluirono 5 grandi aziende del settore liquoristico italiano.

dal sito del Gambero rosso

Negli anni 60/70 arriva il vero successo, con tante imitazioni sul mercato tra cui anche il ferrarese Zabov, il liquore a base di zabaione e brandy, sponsor di diverse edizioni del Giro d’Italia, del Cantagiro e del Festivalbar (se guardate tra il link a fine articolo, troverete lo stesso liquore, il VOV, proposto anche da Zibaldone Culinario per l’Emilia Romagna!).

Negli anni ’90 invece, ha successo all’estero ma inizia un lento declino in Italia.

Oggi è un marchio ritenuto un po’ vintage ma che tuttora è l’ingrediente principale per la preparazione del bombardino, un cocktail “esplosivo” che si può degustare in tutte le baite e rifugi sulle piste da sci delle dolomiti, nei mercatini natalizi del nord-Italia, con brandy e guarnito di panna montata e naturalmente con il VOV. Grazie. questo Cocktail il liquore all’uovo e tornato in auge.

Nel 2000 il Vov passò alla Società Italiana Liquori (SIL) e poi, acquisito dalla Molinari nel 2012, e la produzione del vov si è quindi spostata negli stabilimenti di Moncalieri, Torino.

vov liquore uovo

La bottiglia, un’icona vintage

La bottiglia del VOV, icona nel mondo dei liquori italiani, con la sua particolare bottiglia di vetro bianco ha mantenuto questo aspetto fino ai giorni nostri.

Ancora oggi vediamo la scritta tridimensionale gialla su sfondo blu e l’immagine della Basilica di Sant’Antonio di Padova, a memoria delle sue origini padovane.

La modifica che è stata apportata con i tempi è sulla bottiglia, che non è più di vetro bianco, ma ha un foglio di plastica incollato all’interno della bottiglia trasparente.

vov liquore zabaione veneto

Vov, liquore all’uovo

Portata: Drinks
Cucina: Veneta

Ingredienti

  • 4 tuorli d'uova (anche pastorizzati)
  • 400 g di zucchero semolato
  • 400 g latte fresco intero
  • 100 ml Marsala secco
  • 100 ml di alcol a 95° per liquori
  • 1 bacca di vaniglia

Istruzioni

  • Portate a bollore il latte con i semi delle vaniglia e metà dello zucchero (200 g) per 2 minuti, poi spegnete.
  • Nel frattempo montate i tuorli d’uovo con i restanti 200 g di zucchero. Aggiungete a filo il latte filtrato ancora caldo e continuate a mescolare. Poi aggiungete il Marsala e l’alcol, sempre continuando a montare.
  • Se si dovesse formare in superficie una patina spumosa eliminatela con un cucchiaio.
  • Con un telo di cotone pulito, o un colino a maglie finissime, filtrate il liquore e versatelo in bottiglie precedentemente sterilizzate e conservatele, tappate, in frigorifero.
  • Prima di berlo, agitate la bottiglia per amalgamare gli ingredienti, perché il tuorlo d’uovo tenderà a separarsi dall’alcol e di conseguenza affiorare in superficie.
    Potete berlo fresco da frigo oppure scaldato in un pentolino a bagnomaria.
  • Il Vov va conservato obbligatoriamente in frigo e consumato entro tre mesi.

Come gustare il VOV

Il VOV, questo liquore a base di uova tipico veneto,  è veramente delizioso, perfetto da gustare a fine pasto. Non lo assaggiavo da tantissimi anni!

Quando ero piccola c’era sempre una bottiglia nel mobile bar e ricordo benissimo che veniva spesso offerto agli amici a cena.

Buono da solo, si può servire freddo, a temperatura ambiente, o caldo.

Ottimo anche accompagnato con biscottini di pasta frolla, savoiardi, lingue di gatto o zalèti (i biscotti di farina gialla veneziani) o servito caldo con un po’ di panna montata.

liquore veneto uova

 

 

L’Italia nel piatto

Vini, liquori, infusi” è il tema della rubrica de L’Italia nel Piatto per questo mese: ecco di seguito i suggerimenti delle altre Regioni d’Italia. 

banner-veneto

Liguria: Coniglio al Rossese (blog: Arbanella di basilico)

Piemonte: (blog: La cascata dei Sapori)  

Valle d’Aosta: Crema al cioccolato e castagne con Genepy (blog: Delizie & Confidenze)

Trentino Alto AdigeRatafià di noccioli e corniole sotto grappa (blog: Profumi e colori)

LombardiaLa rusumada, antica bevanda Milanese  (blog: Pensieri e Pasticci)

Friuli Venezia GiuliaStinco di maiale al Cabernet franc  (Blog: La gallina vintage)

Emilia Romagna: Il Vov  (blog: Zibaldone culinario)   

Umbria: Pane al Sagrantino e cipolla rossa di Cannara  (blog: 2 amiche in cucina)

Abruzzo:  Tozzetti al vino con cioccolato e nocciole (blog: Un’americana tra gli orsi)

Toscana: La vinata e il vino picciolo (blog: Acquacotta e fantasia)

MarcheTorta al vino rosso e visciole  (blog: forchetta e pennello)

MoliseLiquore milk (blog: TartetaTina)

Lazio:  Caffè corretto alla sambuca (blog: Meri in cucina)

Puglia: Liquore di melagrana  (blog: Breakfast da Donaflor)

Campania:  Liquore limoncello  (blog: Fusilli al tegamino)

Basilicata:  Gambrinus in versione lucana  (blog: Quella lucina in cucina)

Calabria: Liquore al bergamotto  (blog: Il mondo di Rina)

Sardegna: Liquore di alloro (blog: Dolci Tentazioni d’autore)  

SiciliaCrema al Marsala (blog: Profumi di Sicilia)

Commenti FB (se volete una risposta subito, scrivetemi nel form commenti, così ricevo la notifica)
close
copertina stagione pesce

ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER

RICEVERAI IL MIO NUOVO E-BOOK GRATIS!

Ti potrebbero interessare

14 comments

Natalia Piciocchi 2 Novembre 2022 - 14:55

Io lo adoro questo liquore!!!!!
Non l’ho mai fatto in casa ma sempre comprato. Mi segno la tua ricetta.

Reply
elisa di rienzo 3 Novembre 2022 - 12:19

da provare!!!

elisa

Reply
carla emilia 2 Novembre 2022 - 16:28

Mi piace tanto questo post Elisa, e non sai uanto mi piace il Vov!

Reply
elisa di rienzo 3 Novembre 2022 - 12:19

allora devi farlo!!!

ciao
elisa

Reply
Sabrina 2 Novembre 2022 - 18:44

Adoro questo liquore!
Bellissime immagini, risaltano tutta la cremosità del VoV ed il suo colore acceso inconfondibile!

Reply
elisa di rienzo 3 Novembre 2022 - 12:19

Grazie! 🙂

Reply
daniela 3 Novembre 2022 - 9:26

Grazie per la ricetta del VOV un liquore molto apprezzato e che mi fa ritornare bambina
Volevo chiedere se hai mai provato a fare questo liquore iniziando dalle uova intere, mettendo l’uovo a sciogliere nel limone … però poi … quali altri passaggi ci fossero non saprei, ricordo solo il risultato finale , che era ottimo
Complimenti per le bellissime ricette

Reply
elisa di rienzo 3 Novembre 2022 - 12:19

Grazie Daniela.
No, sinceramente non ho provato dalle uova intere… ma ora mi hai incuriosito!
ciao

elisa

Reply
simona milani 3 Novembre 2022 - 13:27

Non conoscevo la storia di questo famosissimo e buonissimo liquore….grazie per il post bellissimo!
Un abbraccione cara 🙂

Reply
elisa di rienzo 7 Novembre 2022 - 12:25

Grazie a te!
🙂

elisa

Reply
marina 3 Novembre 2022 - 18:15

Quanti ricordi! Anche i miei genitori lo avevano nel mobile bar e mai avrei immaginato quanta storia ci fosse dietro! La bottiglia è bellissima, mi rendo conto che non la avevo mai osservata così da vicino. Le tue foto splendide come sempre, un abbraccio

Reply
elisa di rienzo 7 Novembre 2022 - 12:25

In quella bottiglia c’è tutta la storia!
Felice di averti risvegliato qualche ricordo!
ciao!
elisa

Reply
Elena 3 Novembre 2022 - 19:16

Ecco la bottiglia mitica del Vov con anche lo skyline di Padova, sai che me la ero dimenticata? Sempre buonissimo con gli zaleti poi una vera bontà!

Reply
elisa di rienzo 7 Novembre 2022 - 12:24

eh sì!! bottiglia veramente mitica!!!
Da conservare!
ciao,
elisa

Reply

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.