Pane casereccio di Sara Papa

Pane casareccio di Sara Papa… Il mio primo pane fatto con il Lievito Madre!!

Innanzittutto, devo ringraziare la mia amica Sara di Dolcizie (andate a vedere le sue dolci delizie, sono uno spettacolo!) che mi ha regalato un po’ del suo lievito madre e ha così dato il via a questa nuova bella avventura!

Per ora la la gestione del mio LM sta andando benone.

Pane casareccio di Sara Papa
 

Ho cercato di capire bene come si deve fare, rinfreschi, tempi, panificazioni,… ho letto sul web, ho chiesto consigli alle amiche.

Poi, per ovvi motivi di tempo, ho scelto la via più gestibile, quella che non mi porta via troppo tempo.

Quindi, quando decido di fare il pane, rinfresco tutto il mio lievito la sera prima, e la mattina successiva ne prendo la parte che mi serve per impastare il pane, lo preparo, lo lascio lievitare anche fino a tardo pomeriggio e poi inforno.

Credetemi, uno spettacolo!!!

pane-casereccio

Per iniziare ho scelto una ricetta di un pane semplice da realizzare: il pane casareccio di Sara Papa. Buono, una bella crosta croccante.

Pane bianco casareccio di Sara Papa
Realizzata da: Elisa - il fior di cappero
Ingredienti
  • 600 g di farina 0
  • 12 g di lievito di birra/150 g di lievito madre (io ne ho messo 200 g)
  • 350 g di acqua tiepida
  • 1 cucchiaino di sale (abbondante)
  • olio extra vergine di oliva
  • 1 cucchiaino di malto (o miele)
Istruzioni
  1. Se usi la pasta madre, rinfrescala la sera prima e, meglio, anche alla mattina stessa.
  2. Metti la farina a fontana su un piano (o nella planetaria) e versaci al centro il lievito di birra spezzettato o il LM, aggiungi il malto e inizia ad impastare (con il gancio a foglia per la planetaria) aggiungendo l'acqua, un po' alla volta.
  3. Quindi aggiungi il sale.
  4. Continua ad impastare, (cambiando il gancio della planetaria, a K) finché la pasta non diventa liscia e compatta.
  5. Fai qualche piega (non fanno mai male), fai una bella palla con la pasta e metti l'impasto in una terrina unta con un po' di olio.
  6. Copri la terrina con della pellicola o un panno umido e lascia lievitare in un luogo caldo lontano da correnti, finche non raddoppia il volume (con il LM i tempi sono, ovviamente, più lunghi).
  7. Riprendi l'impasto, lavoralo ancora un po' e forma un filone che metterai sulla placca da forno, cosparsa di farina o coperta con la carta forno.
  8. Incidi il filone con una lama ben affilata e lascia lievitare per altri 30 minuti.
  9. Poi, inforna e fai cuocere per 15 minuti a 220° e poi riduci a 180° e prosegui la cottura per 35/40 minuti.
  10. Dopo la cottura, fai raffreddare il pane mettendolo di lato, nel forno spento, con lo sportello un po' aperto.

 

 

aggiornamento… 2017

Ho realizzato molte altre volte questo pane, utilizzando anche farine diverse, molto spesso integrali o miste. Ora non ho più “Gigetto”… facevo (e mangiavo!!!) troppo pane!!!

Quindi panifico un po’ meno … ma sempre con grande soddisfazione! 

Anche perché, diciamo… cosa c’è di più buono di un pezzo  di pane e un buon olio di oliva extravergine!!??? La merenda migliore anche per i nostri bambini! 

Ho avuto il piacere di visitare l’oleificio Silvestri Rosina, nelle Marche, che per i bambini hanno studiato un olio extra Vergine di Oliva perfetto per la  nutrizione dei più piccoli a partire dalla prima pappa (unico grasso digeribile al 100% da considerarsi alla pari del latte materno).

Si chiama  “A ME MI PIACE”, quale nome più azzeccato!

Questo olio ha  un alto contenuto di antiossidanti e vitamine e nello stesso tempo il suo gusto “dolce”, viene apprezzato dal palato dei bambini, facendo riscoprire la merenda della nonna: Pane, Olio e Amore.

pane casereccio di Sara Papa
pane-casereccio

ciao!

pane-casareccio

 

 

Commenti FB (se volete una risposta subito, scrivetemi nel form commenti, così ricevo la notifica)

24 Commenti

Unisciti alla discussione per dirci la tua

Viviana Aiellorispondi
17 Giugno 2013 a 21:40

benvenuta in questo nuovo mondo fatto di rinfreschi, impasti e tante buone soddisfazioni allora 🙂 sono certa che sia buonissimo. Un bacione Elisa :*

ilfiordicapperorispondi
19 Giugno 2013 a 8:23
– In risposta a: Viviana Aiello

eh gi‡… proprio un nuovo mondo!!!
a presto vivi!!

Il profumo dei coloririspondi
19 Giugno 2013 a 8:17

una meraviglia questo pane!!!
buon giorno cara, io sono stata un pò assente ma ho sbirciato nel tuo blog per nn perdermi niente.
a presto Nahomi

ilfiordicapperorispondi
19 Giugno 2013 a 8:24
– In risposta a: Il profumo dei colori

Grazie cara!
a presto, allora!!

Cristina Tamantinirispondi
19 Gennaio 2014 a 20:12

Ciao Elisa!
Cercavo ricette per il pane e come non pensare a te…;-)
Volevo chiederti solo perché metti il pane di lato a raffreddare in forno…perché non si bruci sopra? Un bacio!
Cri

ilfiordicapperorispondi
19 Gennaio 2014 a 22:14
– In risposta a: Cristina Tamantini

Ciao Cri!
A fine cottura è bene girare su un lato, o meglio ancora sollevarlo il più possibile dalla teglia, in modo che non venga trattenuta l'umidit‡ e ci sia un miglior passaggio d'aria.
Ciao!!!

Gabriellarispondi
25 Febbraio 2014 a 13:20

Cercavo proprio una ricetta semplice di pane bianco, devo solo convertire per il lievito madre liquido! grazie

ilfiordicapperorispondi
25 Febbraio 2014 a 17:45
– In risposta a: Gabriella

che coincidenza… proprio oggi mi stavo informando sui Li.Co.Li…
Buon pane!
elisa

Gabriellarispondi
26 Febbraio 2014 a 7:23
– In risposta a: Gabriella

Per me questo lievito è stata una rivelazione!

ilfiordicapperorispondi
26 Febbraio 2014 a 8:16
– In risposta a: Gabriella

interessante… quasi quasi, converto!!

florianarispondi
9 Aprile 2014 a 19:32

come si fa il LICOLI? Grazie

ilfiordicapperorispondi
9 Aprile 2014 a 20:38
– In risposta a: floriana

ciao!
Io sto proprio convertendo in questi giorni la pasta madre solida in liquida, quindi i licoli.
La differenza tra le due è solo una differente idratazione: quella solida è al 50%, mentre per i licoli è al 90-100%.
Io sto seguendo le indicazioni datami da Giulia Landini ad un suo corso di panificazione con la pasta madre (questo il suo sito: http://seminterra.com); comunque sul web trovi tutte le indicazioni sicuramente più precise di quanto potrei dirti io!
ciao e buon divertimento!!

elisa

mariellarispondi
21 Febbraio 2015 a 17:07

Ciao adoro cucinare e impastare il pane ma ho necessit‡ di sapere come realizzare il lievito madre e per quante volte va rinfrescato prima di essere usato e quando va usato morbido ho gi‡ realizzato pane grissini ecc tutto eccezionale ma adesso voglio fare tutto con il lievito madre

elisa di rienzorispondi
23 Febbraio 2015 a 13:24
– In risposta a: mariella

Ciao Mariella,
bravissima… è un’ottima idea!
Appena ho un attimo ti invio per e-mail le indicazioni che mi chiedi!
ciao
elisa

Antonellarispondi
22 Ottobre 2015 a 10:51

ciao a tutti!
sono appena arrivata in questo meraviglioso mondo della panificazione…Ho fatto la mia Pasta Madre e la tua ricetta è stato il mio primo tentativo di fare il pane!…risultato: una meraviglia! Io ho lasciato che la crosta fosse un pochino più croccante ed ho fatto qualche piega di rinforzo in più….GRAZIE GRAZIE ELISA anche per i piccoli consigli pratici!

elisa di rienzorispondi
23 Ottobre 2015 a 8:56
– In risposta a: Antonella

mi fai felice!!!
non sai quanto piacere faccia riceve questi messaggi!!!
E’ stato anche per uno dei miei primi tentatavi.. e non l’ultimo!
a presto e buona panificazione!!

Giusy almerinirispondi
15 Dicembre 2015 a 23:20

Ciao vorrei sapere la dose giusta x impastare il pane con lievito madre grazie

elisa di rienzorispondi
16 Dicembre 2015 a 17:38
– In risposta a: Giusy almerini

Io questa ricetta l’ho fatto con 200 g di pasta madre rinfrescata.
ciao

tinarispondi
8 Gennaio 2016 a 9:27

Ciao bella ricetta Elisa volevo chiederti una cosa.Se io voglio fare il pane tutti i giorni devo rinfrescare il mio lievito madre ogni giorno?

elisa di rienzorispondi
9 Gennaio 2016 a 14:58
– In risposta a: tina

Ciao tina. Per la preparazione del pane, il lievito deve essere bello arzillo, bello attivo, e quindi lo dovrai rinfrescare ogni volta che lo utilizzai.
ciao
elisa

karinrispondi
10 Gennaio 2016 a 19:35

ciao devo propio provare stasera . guardo la farina……quella 0 finito ho tutti tranne quella. andra bene anche intergrali!!?? mandi karin

elisa di rienzorispondi
11 Gennaio 2016 a 9:28
– In risposta a: karin

com’é andata??
il cambio delle farine può richiedere una variazione della quantit‡ di acqua, per il diverso assorbimento.
ciao
elisa

Pierfrancescarispondi
12 Febbraio 2018 a 12:55

Ieri sera ho impastato 600 grammi di farine 400 gr Farina 1,150 gr Farina integrale e 50 gr manitoba con 200 gr di lievito madre rinfrescato. Lavorare l’impasto mi ha divertito, voglio postare la foto delle due pagnottelle come posso fare?

elisa di rienzorispondi
15 Febbraio 2018 a 12:50
– In risposta a: Pierfrancesca

Bravissima!!!!!
ho visto le foto che mi hai inviato!!!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscrivita alla mia Newsletter per non perderti i nuovi articoli e per rimanere aggionato sulle ultime news!