Il galateo del regalo

Regalare è un’arte e va realizzata con buon gusto, buon sensosemplicità, altruismo evitando accuratamente eccessi e cadute di stile. Il regalo dev’essere una manifestazione di un nostro sentimento verso una persona e non deve, perciò, mettere a disagio chi lo riceve.

Il galateo suggerisce come com
portarci anche in questa situazione, spesso molto delicata, dove la gaffe può essere sempre in agguato!

galateo regalo

Qual è il regalo giusto

Non è facile definire qual è il regalo giusto. Dev’essere pensato su misura, non dev’esser né utile, ma tanto meno futile. Deve incontrare il gusto di chi lo riceve e non dobbiamo imporre il nostro gusto personale.

E’ importante anche saperlo proporzionare alle occasione, al grado di amicizia, di intimità che abbiamo con la persona a cui il dono è destinato. E poi alle nostre disponibilità economiche.

Non è elegante nemmeno fare regali troppo costosi, perchè si rischia di mettere in imbarazzo chi riceve, anche nel momento che dovrà ricambiare.La cosa più importante è che un regalo venga fatta con il cuore e non con leggerezza, solo perchè siamo costretti.

Per evitare di fare doppioni tenetevi una lista in cui scrivete che cosa avete regalato e a chi! E’ utilissimo anche per ricercare idee qualora si fosse un po’ a corto!

Tutto ciò che rivela ricchezza non è elegante.
Balzac

Regali fatti in casa

Un volta non erano visti con buon occhio, oggi invece regalare qualcosa fatto con le proprie mani, che si tratti di qualcosa di culinario o di artistico, amplifica il valore del nostro regalo. Può essere fatto solo con amore, un dono a cui hai dedicato tempo e passione per realizzarlo!!

E’ importante però che sia bello o buono sul serio. E che venga presentato molto bene.

fregolotta

Le gift cards e regali 2.0

Oggi tantissimi negozi offrono la possibilità di acquistare delle gift card/buoni di acquisto. E’ senza dubbio un regalo a basso rischio, in quanto chi lo riceve può decidere cosa prendere a proprio piacimento, ma è altrettanto estremamente impersonale.

Tenetela come àncora di salvataggio, solo se siete in grande intimità con il destinatario o proprio impossibilitati a riuscire a fare un acquisto.

E’ sempre preferibile donare qualcosa di concreto, che possa far capire l’attenzione e il piacere che ci avere messo del regalare. Perché alla base del dono, ci dev’essere questo! Il piacere di farlo!

Oggi si acquista molto anche on-line, ma fatevi recapitare i regali a casa vostra e poi consegnateli di persona al destinatario. Ricordatevi anche di togliere il regalo dal packaging dell’e-commerce e incartarteli voi, per bene.

Cosa non regalare

Ci sono regali che non andrebbero mai fatti,  altri che sono delle piccole accortezze, a volte legati a superstizioni o tradizioni.

Se non espressamente richiesti evitate di regalare creme anticellulite, antirughe e depilatori: può sembrare che si voglia suggerire di sistemare qualcosa! Piuttosto fate dono di un buono in un centro estetico o di benessere!

Evitate anche elettrodomestici, come ferro da stiro, aspirapolvere: hanno più il sapore di “gran lavoro” che di regalo! E’ come donare dei vestiti ad un bambino che si aspetta un giocattolo.

Ricordate la scena del film “Il padre della sposa” con Steve Martin, quando la futura sposina riceve dal marito un frullatore??!! Andate a rivedervela!

Il_padre_della_sposa_1991

Se hai un amico/a superstizioso, non si regalano mai perle, ombrelli e fazzoletti, sono simboli di lacrime. E nemmeno oggetti a punta, quindi spille, forbici e coltelli, perchè portano sfortuna.

Se donate un portafoglio, ricordate di metterci dentro una monetizza di buon auspicio.

Il biglietto

Non è obbligatorio accompagnare un regalo con un biglietto, ma è senza dubbio un gran bel gesto, rende il regalo ancora più prezioso per chi lo riceve, molto più profondo, un bel ricordo da conservare. Il galateo dice che è il “regalo ad accompagnare il biglietto” e non viceversa.

E’, invece, obbligatorio se il regalo viene inviato. Il biglietto si deve scrivere a mano, poche parole ma sincere, e va firmato  (senza titoli e con il nome prima del cognome, se necessario metterlo).

Se avete biglietti da visita potete usare anche quelli, ma non quelli professionali, solo quelli personali, con indicato solo nome e cognome. Nel caso non li aveste, va benissimo un biglietto di cartoncino bianco.

A Natale potete optare anche per delle belle Christmas card, magari con un bel paesaggio invernale o una riproduzione classica. Evitiamo Babbi Natali  se il destinatrio non è un bambino!

Quando va scartato il regalo

Il regalo andrebbe scartato al momento in cui viene consegnato, questo per poter ringraziare, con entusiasmo,  subito chi l’ha fatto e dare la soddisfazione che si merita.  Se, invece, la situazione è tale che siete impossibilitati nell’aprirlo, allora  fatelo successivamente, ma ricordatevi di chiamare subito chi ve lo ha donato per ringraziare.

Quando si ricevono più regali, dai vari ospiti, un compleanno ad esempio, non si aprono mai tutti insieme, questo per evitare che la persona che ha fatto solo un piccolo pensiero si possa sentire mortificata

Se vi regalano dei fiori dovrete subito prendere un vaso ed esporli. Ecco perché non si dovrebbero mai donare grandi mazzi di fior alla padrona di casa, che, già impegnata a fare gli onori di casa, sarà costretta ad abbandonare gli ospiti per cercare di sistemarli.

Durante le feste natalizie ci si può scambiare i regali e metterli sotto all’albero, aspettando la vigilia o il giorno di Natale per aprirli. Vanno poi rinnovati i ringraziamenti.

Cosa non dire quando si dona

Innanzitutto va evitati qualsiasi commento sul valore e sul prezzo del regalo e, anche, ad eventuali difficoltà che si ha avuto per reperirlo: “Ti piace? Ho girato mezzo mondo per cercarlo!!”

Ma evitate anche commenti e spiegazioni tipo: “Mi pare che tu non ce l’abbia!”, sono frasi spesso mortificanti  e possono sminuire il valore del regalo stesso.

No anche alla falsa modestia e allo screditare il regalo: “E’ una cosa da poco, è una sciocchezza”, chi lo riceverà si sentirà poco preso in considerazione e persona “non importante”.

Che cosa possiamo dire allora? Semplicemente si dona con un augurio.

Come si ringrazia

Si ringrazia sempre quando si apre un regalo, sia che sia di vostro gusto, sia che non lo sia.

Se aprite il presente in un secondo momento ricordatevi di chiamare per ringraziare o inviare un messaggio, se siete in amicizia. Non è di gran gusto pubblicare e ringraziare sui social, invece.

Per i regali professionali si può ringraziare con una mail.

Evitate poi frasi come «Ma non dovevi disturbarti!» o «Ma cosa hai fatto?», anche se dette come forma di cortesia, potrebbero far sospettare che il regalo non sia stato gradito e dispiacere, così, il donatore.

Il cambio del regalo

Non c’è nulla di male a dover sostituire il regalo. Cercate però di limitarvi a cambiare colore o taglia, non completamente genere e avvisate sempre chi ve lo ha donato.

Ringraziate, comunque, con il sorriso e magari accennate alla probabilità, se possibile, di cambiarlo, magari di voler sostituire il colore per  accompagnarlo ad un altro capo che già avete.

Quando acquistate un regalo, soprattutto di abbigliamento, richiedete sempre lo scontrino cortesia: renderà molto più semplice la pratica del reso!

Il riciclo

Una delle attività più brutte è il riciclo dei regali. Far credere di aver fatto un regalo dedicato, invece è un riciclo di un regalo fatto da altri è una cosa di pessimo gusto. Un presa in giro. Si rischiano figuracce incredibili, e prima o poi il regalo tornerà a chi lo ha donato la prima volta! State attenti.

Diverso se donate un qualcosa che non usate più ad un caro amico, ma dev’essere dichiarato e magari in aggiunta ad un altro dono che avremmo, comunque, fatto a lui.


A questo punto non ci resta che fare tanti regali con il cuore!

Ora potete seguirmi anche via e-mail,

compilando il form che trovate sul menù laterale.

Vi arriverà una notifica ad ogni nuova articolo.

Iscrivetevi!

elisa firma

vi aspetto  su INSTAGRAMFACEBOOK e TWITTER

Commenti FB (se volete una risposta subito, scrivetemi nel form commenti, così ricevo la notifica)

2 Commenti

Unisciti alla discussione per dirci la tua

EDWIGErispondi
27 Maggio 2019 a 15:40

Buongiorno
Sicuramente sono fuori tema.
Mi trovo di fronte ad un dilemma.
Ho ricevuto un regalo (vuotatasche) da una persona che pensavo lo facesse con empatia.
Ho accettato visto che non si trattava di regalo costoso o imbarazzante e che, dovendo poi prendere un aereo, non poteva essere un mazzo di fiori.
Ho scoperto che invece la persona era falsa, anzi stava tramando salle mie spalle ed avrebbe scritto cose sgradevoli….
Mi sono sentita presa in giro ed offesa
Vorrei inviarlo indietro e senza alcun commenti scritto a significare: vergognati ho saputo e visto tutto
Cosa mi consigli?
Grazie

elisa di rienzorispondi
28 Maggio 2019 a 10:38
– In risposta a: EDWIGE

Il mio consiglio? Lascia perdere, capisco il tuo dispiacere, e la voglia di farglielo sapere, ma io adotterei un comportamento superiore. Metterei da parte quel vuotatasca e non perderei ulteriore tempo per una persona che si è comportata male nei tuoi confronti.
ciao
elisa

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.