Galatopita, la torta greca al latte e semolino 

by elisa di rienzo

La galatopita è una deliziosa torta al latte e semolino tipica della cucina greca.

Una torta dalla consistenza morbida con un buonissimo profumo di vaniglia, molto piacevole e delicato. Può ricordare il Far Breton o il clafoutis.

Sono necessari pochissimi ingredienti nella versione più semplice: il latte, il protagonista, poi il semolino al posto della farina, uova e vaniglia.

galatopita

Le diverse versioni della Galatopita, la torta al latte greca

La galatopita è un dolce che si prepara tutto l’anno, viene mangiata a colazione, a merenda o a fine pasto. Tradizionalmente, si preparava durante il carnevale, nella settimana che precede l’entrata in Quaresima, settimana in cui era ancora permesso consumare il latte e i suoi derivati.

Era, quindi, necessario svuotarne la dispensa prima di entrare nella lunga quaresima pasquale che vieta tutti i latticini.

La galatopita è molto semplice da realizzare, soprattutto nella versione base, realizzata con la sola crema di semolino, come vedete nelle mie foto.

Prevede due cotture:

  • la prima sul fuoco in un pentolino, per fare la crema di latte con il semolino;
  • la seconda in forno per la cottura e doratura.

Il risultato è una torta dalla consistenza morbida, molto piacevole: si deve mangiare fredda proprio per apprezzarla al meglio.

Esiste poi una versione più ricca della Galatopita, dove la crema di latte è racchiusa in un guscio di croccante pasta fillo o anche con degli strati alternati di crema e pasta.

Trovate la ricetta delle due versioni.

galatopita dolce greco al latte

Galatopita, dolce al latte greco

stampo da 20×20 cm o similare
Portata: Dolce
Cucina: Greca

Ingredienti

  • 1 litro latte (io uso latte intero)
  • 130 g semolino fine
  • 140 g zucchero semolato
  • 50 g burro
  • 3 uova medie
  • 1 bacca di vaniglia
  • qb zucchero a velo

Versione con guscio di pasta fillo:

  • 250 g pasta fillo
  • 50 g burro (circa)
  • 1 cucchiaio cannella in polvere (facoltativo)
  • 80 g di noci triturate (facoltativo)

Istruzioni

Versione base:

  • Mettete a scaldare il latte con la bacca di vaniglia in una casseruola, senza farlo bollire. Apriete la bacca di vaniglia incidendola per il lungo, mettete i semini e anche la bacca svuotata nel latte.
  • Aggiungete il burro a pezzetti e lo zucchero, mescolate bene in modo che si sciolgano.
  • Buttate a pioggia il semolino, mescolando sempre con una frusta per evitare la formazione di grumi.
  • Cuocete a fuoco medio, sempre mescolando fino a che la crema non si sarà leggermente addensata.
    Togliete dal fuoco, eliminate la bacca di vaniglia, e aggiungete una alla volta le uova precedentemente sbattute in una ciotolina.
  • Versate il composto in una teglia di dimensione circa 20×20 cm foderata di carta forno.

Variante con guscio di pasta fillo:

  • Preparate la crema al semolino come descritto sopra.
  • Fate sciogliere il burro in un pentolino.
  • Prendere un foglio di pasta fillo e stendetelo sulla teglia di dimensione circa 20×20 cm, cercando di coprire anche i lati della teglia. Con un pennello da cucina prendete del burro sciolto e passatelo grossolamente sul foglio di pasta fillo.
  • Prendete un secondo foglio e stendetelo sul precedente cambiando il verso (+) e imburratelo allo stesso modo. Procedete con un 3° e 4° foglio.
  • Se volete, aggiungete una manciata di noci tritate e un po' di cannella sulla superficie. Procedete con altri 3 fogli, imburrandoli e aggiungendo delle noci.
  • Versare la crema di latte e semolino e livellate bene con un cucchiaio.
  • Imburrare i bordi della pasta fillo che fuoriescono dalla teglia e arrotolarli sulla crema, formando una sorta di corona.

Cottura per le due versioni:

  • Infornate in forno caldo statico a 190°C per 15 minuti e poi a 180C° altri 45/50 minuti.
  • La superficie si può scurire molto, se vedere che si scurisce eccessivamente copritela con un foglio di allumino.
  • A fine cottura togliete dal forno e lasciatela raffreddare completamente. Poi spolverizzare con lo zucchero a velo e tagliate a quadrotte.
galatopita dolce al latte

Se non volete perdere i nuovi articoli, potete seguirmi anche via e-mail, compilando il form che trovate sul menù laterale.

All’iscrizione vi arriverà in omaggio un e-book sulla stagionalità dei pesci.

elisa firma
Commenti FB (se volete una risposta subito, scrivetemi nel form commenti, così ricevo la notifica)
close
copertina stagione pesce

ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER

RICEVERAI IL MIO NUOVO E-BOOK GRATIS!

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.