Gnocchi ripieni di radicchio e Le Gruyére

 

Ci sono ricette che vengono dal cuore e ci sono ricette che scaldano il cuore perché ci rimandano ad atmosfere particolari, a ricordi di casa…

Quando mi si chiede “qual è il tuo piatto preferito?”… beh…. vado in difficoltà… io non ho un piatto preferito… sono tanti e non necessariamente perché son quelli sche mi piacciono di più ma piuttosto per tutto quello che mi fanno tornare alla mente.

Sensazioni, profumi, emozioni, ricordi…

 

Il cibo trova sempre coloro che amano cucinare!

Gusteau in Ratatouille

gnocchi ripieni con radicchio e formaggio e sesamo
 
gnocchi ripieni con radicchio e formaggio e sesamo in un pentolino di alluminio
Uno di questi sono sicuramente gli gnocchi… io, in realtà, non li faccio spessissimo… anche se ve ne ho già proposto una versione che amo (qui)… “Fare i gnocchi” per me vuol dire sempre prepararli in casa, da mia mamma, stare in insieme… la mamma taglia i pezzetti e io e mia sorella via di grattugia o forchetta per rigarli…

Questa volta, in occasione del contest #noiCHEESEsiamo ho voluto preparare questa ricetta del cuore, ma in versione un po’ più elaborata: gnocchi ripieni.

E il ripieno?? I primi radicchi tardivi di Treviso e con un formaggio svizzero buonissimo, Le Gruyére!

 

 
gnocchi ripieni con radicchio e formaggio e pezzo di formaggio gruyere
 
Il gruviera? Il formaggio con i buchi??
NO, NO, il gruviera non è quello con i buchi…

 

In Italia tendiamo impropriamente a chiamare “Gruviera” il formaggio “Emmentaler”…
Diceva Totò sbagliando…
“anche la groviera ha i buchi, e non si lamenta”
 
» l’Emmentaler che ha i buchi!
Quello che Vittoria chiama il “formaggio con i buchi fatti dai topolini!”
 
Il Gruyére è un formaggio svizzero, aromatico, prodotto nel distretto della Gruyére, da cui deve il nome.
E’ un formaggio di vacca a pasta pressata cotta, prodotto con latte crudo (la pasta, mentre la cagliata vien in seguito cotta).
Il formaggio è stagionato, dai 5 ai 12 mesi e NON è caratterizzato da nessuna occhiatura: Gruyére NO buchi!!!
E’ un formaggio versatile, si gusta come dessert, per una merenda con del pane croccante, nella fonduta o come ingrediente per piatti saporiti.
 
gnocchi ripieni con radicchio e formaggio e sesamo
Io l’ho usato proprio come ingrediente saporito per i miei gnocchi ripieni!
 
La ricetta che ho usato per la “pasta” è del bravo Montersino (lui ne fa una versione con ripieno di melanzane e salsa di pomodoro confit).
Questa, invece, la mia versione con l’aggiunta de Le Gruyére DOP anche nell’impasto.
 
 

 

Gnocchi ripieni di radicchio e Le Gruyére
(dosi per 4 persone)
Piatto: Primo piatto
Realizzata da: Elisa - il fior di cappero
Ingredienti
  • PER L'IMPASTO:
  • 1/2 kg di patate lesse a pasta bianca farinose
  • 200 g farina 00
  • 40 g di tuorlo
  • 50 g di fecola
  • 20 g di Le Gruyére DOP
  • PER IL RIPIENO:
  • 250 g di radicchio di Treviso IGP
  • 50 g di Le Gruyére DOP
  • 2 scalogni
  • 20 g di burro
  • sale
  • pepe
  • PER IL CONDIMENTO:
  • burro
  • qualche foglia di salvia
  • sesamo nero
  • fiori di Calendula secchi facoltativi
Istruzioni
  1. Pulisci il radicchio, lavarlo e tagliare a piccoli pezzetti. Trita gli scalogni e falli imbiondire con il burro in un tegame.
  2. Aggiungi il radicchio e fallo appassire a fuoco basso e coperto. Quando sarà ben appassito, togli il coperchio e fai asciugare l'acqua di cottura.
  3. Mettilo in una ciotola a raffreddare. Poi unisci il formaggio grattugiato. Regola di sale e pepe.
  4. Lessa le patate, sbucciale da calde e schiacciale con lo schiacciapatate o passale a passaverdura.
  5. Unisci la farina, la fecola, i tuorli, il sale, il formaggio e impasta velocemente finché non diventa bello omogeneo, liscio ed omogeneo.
  6. Stendi l'impasto con l'aiuto di un mattarello in una sfoglia di 1/2 centimetro e con un coppapasta fai dei dischetti.
  7. Metti la purea in una terrina, aggiungi il formaggio Le Gruyére grattugiato, l'uovo sbattuto e un pizzico di sale. Amalgama il tutto con metà farina, lavorando il composto finché non diventa bello liscio ed omogeneo.
  8. Disponi al centro un po' di farcia di radicchio e poi chiudi con un altro disco di pasta sigillando bene, con i rebbi di una forchetta (puoi farla anche a mezzaluna se preferisci).
  9. Cuoci gli gnocchi in acqua salata, scolali e condiscili con del burro fuso e aromatizzato con delle foglie di salvia.
  10. Decora con semi di sesamo nero e fiori di calendula secchi.
 
Alcuni suggerimenti:
  • usa patate farinose, in modo che la purea sia meno liquida e quindi non si debba mettere troppa farina;
  • fai bollire le patate con la buccia in modo che assorbano meno acqua e, una volte schiacciate, siano asciutte e non sia necessario aggiungere farina (e comunque meglio la fecola, suggerisce Montersino);
  • lavora velocemente l’impasto e pochissimo, possibilmente con patate ancora calde (questo facvorisce l’assemblaggio);
  • la cottura va fatta in una pentola grande, larga;
  • non girare gli gnocchi in cottura o con molta attenzione;
  • Sono pronti quando vengono a galla. Non scolare gli gnocchi con lo scolapasta ma con una schiumarola.
 
 
 
 
 

 

Commenti FB (se volete una risposta subito, scrivetemi nel form commenti, così ricevo la notifica)

24 Commenti

Lascia un tuo commento, ti risponderò!

Manurispondi
10 Novembre 2014 a 10:36

Deliziosissimi, come ne vorrei uno adesso.
Ti abbraccio

ilfiordicapperorispondi
10 Novembre 2014 a 18:33
– In risposta a: Manu

Grazie Manu!
ciao

Anonimorispondi
10 Novembre 2014 a 11:01

Gnam gnam, gustosissimiiiiiiiiiiiiiiiii, grazie grazie della ricettina ^_^
Alice P.

ilfiordicapperorispondi
10 Novembre 2014 a 18:35
– In risposta a: Anonimo

fammi spaere se li fai!!!
ciao

Letizia in Cucinarispondi
10 Novembre 2014 a 12:25

Una meraviglia! Fanno gola anche pure a me e considera che a me i formaggi non mi piacciono!

ilfiordicapperorispondi
10 Novembre 2014 a 18:35
– In risposta a: Letizia in Cucina

il massimo, allora!!!!
ciao

Chiara Settirispondi
10 Novembre 2014 a 13:08

Complimenti Eli, sembrano deliziosi!!!!

ilfiordicapperorispondi
10 Novembre 2014 a 18:35
– In risposta a: Chiara Setti

Grazie Chiara!!!

panelibrietnuvolerispondi
10 Novembre 2014 a 17:47

Ma che bella questa ricetta! Mi piacciono questi gnocchi cicciosi e rotondi…non vedrei l'ora di tagliarli per sentirne il ripieno!

ilfiordicapperorispondi
10 Novembre 2014 a 18:36
– In risposta a: panelibrietnuvole

in effetti…. sono golosi.. con effetto sorpresa!!!!!
ciao
elisa

Michela Sassirispondi
11 Novembre 2014 a 7:51

Ma sono strepitosi questi gnocchi, adorabili!
Un abbraccio

ilfiordicapperorispondi
11 Novembre 2014 a 14:25
– In risposta a: Michela Sassi

Grazie Michela!!!

Giorgia Riccardirispondi
11 Novembre 2014 a 7:57

oddio elisa che golosit‡ questi maxi gnocconi ripieni :DDDD
baci

ilfiordicapperorispondi
11 Novembre 2014 a 14:25
– In risposta a: Giorgia Riccardi

in effetti erano buonini.. s”!!! 😉

Monica Giustinarispondi
11 Novembre 2014 a 9:38

Un piatto speciale e bellissimo Amo gli gnocchi, adoro il radicchio tardivo e questo abbinamento è magnifico!

ilfiordicapperorispondi
11 Novembre 2014 a 14:26
– In risposta a: Monica Giustina

Grazie Monica!
non ti resta che farli!!!

Monica Giustinarispondi
12 Novembre 2014 a 14:09
– In risposta a: Monica Giustina

E grazie della partecipazione al contest, i fiori in cucina sono una chicca!

Dolci a gogorispondi
11 Novembre 2014 a 9:39

Che spettacolo tesoro mamma mia questi gnocchi cosi ripieni mi piacciono da matti..un piatto che vorrei avere qui adesso vedi!!Bravissima e in bocca al lupo per il contest!!!Baci,Imma

ilfiordicapperorispondi
11 Novembre 2014 a 14:26
– In risposta a: Dolci a gogo

Ciao Imma!
grazie!!

Lilli nel Paese delle stoviglierispondi
12 Novembre 2014 a 9:18

sesamo e fiori rendono questo piatto superlativo! complimenti, buoni erano gi‡ ottimi ma quel tocco mi invoglierebbe all'istante a sceglierli in un menù! la domanda qual è il tuo piatto preferito è terribile, impossibile rispondere! buona giornata!

Nicol – Col kitchen and photosrispondi
14 Novembre 2014 a 8:23

Grazie per questa ricetta golosissima!! 😀
A presto!

Il radicchio di Treviso, ambasciatrice per il Calendario del Cibo Italiano | il fior di capperorispondi
1 Febbraio 2016 a 9:20

[…] Insalata di radicchi†d’Inverno,†Radicchio tardivo marinato, †Gnocchi ripieni di radicchio […]

fausta lavagnarispondi
2 Febbraio 2016 a 15:50

… infatti lo sapevo che dovevano essere speciali!!! Dopo la lettura… confermo!

elisa di rienzorispondi
2 Febbraio 2016 a 17:35
– In risposta a: fausta lavagna

ora ci vorrebbe l’assaggio!!
😉

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.