In ANTIPASTI/ ITALIA

Tapas campano! Mozzarella di bufala e friarelli

 
Era il 1990, agosto.
La meta per le vacanze con mamma e papà, e sorella, quell’anno furono in Italia. La splendida Sicilia ci aspettava.
Partimmo, per il nostre mese di mare, con la nostra roulotte, compagna di tanti viaggi, tanti chilometri in giro per l’Europa.
Ma in realtà non è della Sicilia che vi voglio parlare.
Ma di quel lungo viaggio per arrivarci…. Lunga l’Italia quando si deve percorrere tutta…
Ci fermammo a Caserta a vedere la fantastica Reggia…
Ma di quella vacanza, credetemi e così, il ricordi più vivo che ho, la cartolina che ho fissata nel mia testa è un’altra.
 
La Campania, per la sua fecondità detta Felice,
fu con maggior lode chiamata Felice e Amena.
Era l’amenità propria della riviera del suo mare:
la fecondità de’ suoi campi fra terra.
Camillo Pellegrino
 
 
 

Passammo per Battipaglia, seguimmo l’indicazione di un caseificio. Ne uscimmo con una scatola, la ricordo grandissima, di polistirolo, termica, piena di mozzarelle di bufala.

Non abbiamo resistito molto…. Ci siamo fermati sul ciglio della strada e aprimmo quella scatola! Non potete immaginare che bontà … Mozzarelle di bufala che mai avevo mangiato prima così buone.

La bocca si riempiva di sapori, non riuscivano a fermarci… Le mangiammo tutte…. Non erano poche!

Bisogna anche dire che questo formaggio, dalle origini antiche, sembra sia arrivato grazie ai Saraceni prima in Silicia e poi si sia “acclimatato” nell zone paludose del salernitano e casertano, quindi… tutto torna!!

Vassoio Wald, Collezione “Insolite impronte”

 

In Campania ci sono poi tornata, qualche anno più in là, dieci per l’esattezza, nel 2000, un paio di vacanze in costiera amalfitana, tra Praiano, Atrani, Positano, Amalfi, fino a Salerno…. Che posti meravigliosi.

(collage di foto da foto… dall’album agosto 2000)

 

Nuovi sapori nei ricordi di quelle estati… il vino bianco fresco con le pesche che si sorseggiava in spiaggia, poi le granite al limone, i friarielli, i pomodori, le melanzane ….
L’altro giorno sono stata al banchetto della mia amica dei 100orti, c’era un cestino di peperoncini verdi … Friarelli… Non me li sono fatta scappare!
 

 

I friarelli, detti anche puparuoli friarelli, (da non confondersi con le cime di rapa friarielli… altra bontà!!!!) o friggitelli alla romana, sono un piatto tipico della cucina campana.
Sono dei peperoni verdi, nani, ricordano i peperoncini, ma sono dolci.
 
 

Per me c’é solo un modo per cucinarli; come dice il nome, fritti in padella.
Vengono cotti in olio di oliva, lasciandoli praticamente interi, con il picciolo, utilissimo per prenderli con le mani e mangiarli in un solo boccone!

bufala-e-friarelli-2-fdc
 
Ho voluto preparepare un piatto semplice, che facesse parlare loro, i sapori della terra di fuoco.
Un’ottima mozzarella di bufala, proprio di Battipaglia, dei friarelli, un’emulsione di olio extravergine di oliva con limone e menta.
Assolutamente da segnare tra le ricette veloci per una cena tra amici!
 
 
Stampa
Mozzarella di bufala con friarelli
Realizzata da: Elisa - il fior di cappero
Ingredienti
  • 1 mozzarella di bufala DOP da 250 g
  • 15/20 peperoni friarelli
  • olio EVO
  • sale
  • qualche foglia di menta
  • 1 limone
Istruzioni
  1. Sciacqua bene i friarelli e con un coltellino incidili fino a metà, questo per permettere che si insaporiscano tutti per bene durante la cottura. Lascia il picciolo.
  2. Versa in una padella un po' di ottimo olio di oliva EVO e lascialo scaldare; aggiungi uno spicchio d'aglio in camicia e i peperoni.
  3. Fai rosolare a fuoco vivace, devono "friggere", mescolando spesso, per circa 10 minuti, facendoli ammorbidire e un po' bruciacchiare.
  4. Scolali su carta assorbente e condisci con sale grosso. Se li volete mangiare così, la tradizione prevedere che vadano afferrati per il picciolo e mangiati per intero, semi compresi; se non vi piacciano mordete un centimetro prima del picciolo.
  5. Taglia la mozzarella di bufala a pezzettoni e lasciala un po' colare del suo liquido.
  6. Prepara un'emulsione con olio di oliva, qualche goccia di buon limone e un trito di foglie di menta.
  7. Assembla la tua tapas campana! Metti sul piatto un pezzo di mozzarella, un peperone friarello e fissali con uno spiedino.
  8. Cospargi con qualche goccia di emulsione alla menta e qualche zesta di limone.

Facebook Comments

You Might Also Like

28 Comments

  • Reply
    Monica Giustina
    3 luglio 2014 at 10:24

    Che spettacolo la tua introduzione, mi sembrava quasi di seguirvi nel vostro viaggio.
    I sapori nelle terre d'origine sono sempre unici, io purtroppo in Sicilia non ci sono mai stata, spero di andarci prima o poi.
    Bellissimo il post e bellissima la ricetta, perché quando si hanno ingredienti speciali nulla è poi cos” semplice, ma sempre buonissimo!

    • Reply
      ilfiordicappero
      4 luglio 2014 at 10:28

      Grazie Monica!!
      hai ragione, se gli ingredienti son buoni fanno tutto loro… l'importante è non rovinarli!!!
      ciao!

  • Reply
    Giorgia Riccardi
    3 luglio 2014 at 10:48

    wow elisa…pazzesco questo finger food…semplice ma d'effetto! e stupendi i racconti e le foto del tuo viaggio!

  • Reply
    Chiarapassion
    3 luglio 2014 at 10:59

    Elisa il tuo post mi ha conquistato al 100% per sapori, profumi, foto e soprattutto per i tuoi ricordi…sono troppo felice di vedere la bellezza della mia terra attraverso i tuoi occhi <3

    • Reply
      ilfiordicappero
      4 luglio 2014 at 10:30

      Grazie Enrica… detto da te ha ancor più valore!
      ciao
      elisa

  • Reply
    Anonimo
    3 luglio 2014 at 11:03

    S”, s” e s”, amo questo tipo di peperoncino, superba l'idea di accompagnarli con della mozzarella dop, thanks 🙂
    Lorenzo D.

    • Reply
      ilfiordicappero
      4 luglio 2014 at 10:30

      ti consiglio di provare a farli, uno tira l'altro!!!
      ciao

  • Reply
    patrizia vendramin
    3 luglio 2014 at 12:20

    » vero, il nostro sud ci regala colori e sapori indimenticabili!!
    Bellissimo poterli ritrovare sulla bancarella dei 100orti!! Ciaooo 🙂

  • Reply
    Ketty Valenti
    3 luglio 2014 at 14:21

    Che magnifico post,certo sono di parte,Siciliana,e quando hai scritto che l'Italia è infinita da attraversare da un capo all'altro mi hai fatto commuovere,forse perché ho ricordato quando l'ho fatto una volta da adolescente con i miei e poi con il mio ragazzo…..che Paese meraviglioso ad ogni tappa…..mi stupivo per qualcosa!
    delizioso piatto che sento pieno di sentimento ,calore e passione pur nella sua semplicit‡,coplimenti per tutto!
    Z&C

  • Reply
    Virginia S. Il GattoPasticcione
    3 luglio 2014 at 15:02

    Mi è piaciuto molto il tuo racconto…quasi mi sentivo l” con voi a mangiare la deliziosa mozzarella di Battipaglia…e queste tapas sono delle chicche campane! Complimenti!!!
    Un abbraccio!!!

  • Reply
    Stefania Zagari
    3 luglio 2014 at 16:16

    Meravigliosa idea, la aggiungo sicuramente alla lista delle cose buone e veloci da preparare per una cena con gli amici ma…devo anche dirti che mi hai fatto tornare in mente un meraviglioso ricordo, anch'io nel mio primissimo viaggio con l'uomo della mia vita mi sono fermata lungo la strada per una meta a sud, ed anche noi non abbiamo resistito molto … il cartone di mozzarelle mangiato a bordo strada col panorama della costiera amalfitana…grazie! 😉

    • Reply
      ilfiordicappero
      4 luglio 2014 at 10:49

      ahahahahh!! allora sai bene quello che dico!!!!
      ciao
      elisa

  • Reply
    Il Laboratorio delle Torte
    3 luglio 2014 at 17:41

    Elisa… meravigliosi!!! I sapori li ho "sentiti" tutti mentre leggevo di viaggio, ricordi e ricetta… Li ho fatti senza menta, assolutamente da mettere la prossima volta !! Grazie del consiglio!!!!!

  • Reply
    coccolatime
    3 luglio 2014 at 21:42

    ma che post MErAVIGLIOSO…..pieno di colore..di mare…di estate….di vacanze…di ricordi…di mare…di sapore…mi piace da morire….e la ricetta deve essere la fine del mondo….io con i tuoi 100 orti ho cucinato TUTTO…e tutto SPECIALE!!! aver qua la chiara…sarei a posto!!!

    • Reply
      ilfiordicappero
      4 luglio 2014 at 10:51

      sarebbe a posto anche Chiara ad averti qui!!! ahahahah!
      contenta di aver fatto passare tutto quello che volevo!!!
      ciao
      elisa

  • Reply
    Michela Sassi
    4 luglio 2014 at 6:36

    Elisa ma tu sei un portento… che meraviglia questo finger food!!!
    Bravissima!

    • Reply
      ilfiordicappero
      4 luglio 2014 at 10:51

      ehi grazie Michela!!!!
      direi che ti son piaciuti!!!
      ciao

  • Reply
    Lilli nel Paese delle stoviglie
    4 luglio 2014 at 10:42

    Un piatto elegante, essenziale, dai colori splendidi, dai grandi sapori, presentato magistralmente, legato a bei ricordi, insomma uno splendore, complimenti!

  • Reply
    cecilia
    8 luglio 2015 at 14:16

    nel mio caso, nessun ricordo, ma una golosissima anticipazione. Grazie Elisa, le tue foto fanno venire l’acquolina….

    • Reply
      elisa di rienzo
      8 luglio 2015 at 14:54

      ben… tutti nuovi ricordi da costruire!!!
      divertiti!!!
      a me la costiera amalfitana è rimasta nel cuore!!!!
      ciao
      elisa

  • Reply
    Chiara
    5 agosto 2015 at 12:38

    Elisa ma quanto sono buoni!!!! Ieri sera ho fatto un tapas party con il moroso e un’altra coppia e per il menù ho preso ispirazione dal tuo, in particolare ho servito questo fantastico sfizio alla mozzarella di bufala e friggitelli e anche il gazpacho sempre seguendo la tua ricetta, anche se con la personale aggiunta di anguria… entrambe le ricette sono state un successone, quindi grazie mille!!! <3

    • Reply
      elisa di rienzo
      27 agosto 2015 at 7:00

      Grazie a te Chiara!!!
      Sono proprio felice che vi siano piaciute!!!
      proverò la tu variante di gazpacho con anguria!
      ciao
      elisa

    Leave a Reply