In LEGUMI & CEREALI/ PRIMI & ZUPPE/ RICETTE VENETE

Pasta e fagioli alla veneta

pasta e fagioli

Pasta e fagioli, una ricetta tipica della cucina della nostra penisola, che richiama i sapori genuini della nostra terra. Ogni regione ha la sua ricetta, con piccole differenze e l’utilizzo di  ingrenditi tipici, come ad esempio le diverse varietà di fagioli.  E’ possibile pensare ad un viaggio culinario lungo tutta l’Italia e e assaggiare pasta e fagioli un po’ ovunque.  

Pasta e fagioli veneta

Non si può dire con certezza quale sia la Regione natale  di  questo piatto, ma sicuramente Veneto e Toscana sono quelle che ne hanno fatto un piatto tipico.

Per il mese di ottobre il gruppo di “L’Italia nel piatto” ha deciso di dedicare le proprie ricette ai legumi, e per me la scelta è caduta subito su questo piatto che preparo spesso con  grande soddisfazione a tavola e condivido con gran piacere!

In Veneto è sempre stato un piatto che si preparava alla fine dell’estate, con l’arrivo della stagione autunnale, in concomitanza con l’uccisione dei maiali. Poiché del maiale non si butta mai via niente, ecco che lardo, pancetta e cotenna vanno spesso ad  insaporire questo piatto di pasta e fagioli. 

Nasce come piatto economico (almeno un tempo… ora i fagioli si fanno pagare!!), senza dubbio semplice, molto gustoso e nutriente.

Probabilmente la sua prima comparsa fu nelle locande dell’antica Roma, diventato poi il piatto dei contadini e dei braccianti che mangiavano quello che portavano a casa dal proprio raccolto.

I fagioli sono sicuramente la carta vincente di questo piatto, che lo ha reso diffusissimo. Un piatto povero che diventava il piatto unico, anche di tutti giorni: un piatto caldo,  ricco di carboidrati e proteine e pertanto in grado di saziare tutta la famiglia senza grossa spese.

Umberto Eco, insigne letterato e linguista, sottolinea l’importanza dei fagioli nella cucina italiana ed europea, scrivendo: 

Se siamo ancora qui [ … ] questo è dovuto ai fagioli. Senza i fagioli, la popolazione europea non sarebbe raddoppiata in pochi secoli.

 

Stampa
Pasta e fagioli veneta

Ricetta tratta dal libro "Cucina Vicentina" di G. Capnist e A. Capnist Dolcetta, Franco Muzio Editore

Porzioni: 4 persone
Ingredienti
  • 200 g tagliatelle all'uovo fresche
  • 400 g fagioli freschi sgranati (o 200 secchi da ammollare) - io fagioli di Lamon
  • 2 fettine di lardo
  • 100 g pancetta sgrassata
  • 2 cipolle grosse
  • 1 carota
  • 2 coste di sedano
  • 2 patate
  • 1 porro bianco
  • 1 spicchio di aglio
  • 3 foglie di alloro
  • rosmarino, prezzemolo, dragoncello, maggiorana
  • Brodo vegetale o acqua
  • olio di oliva
  • sale, pepe
  • parmigiano reggiano (facoltativo)
Istruzioni
  1. Mettete a soffriggere in una grande pentola, il lardo pestato, la pancetta, le verdure finemente tritate, l'aglio schiacciato, e mescolare per almeno 10 minuti.

  2. Aggiungete gli aromi, i fagioli e coprite con il bordo (o acqua).


  3. Mescolate di tanto in tanto e cuocete a fuoco lento per circa 2 ore.

  4. Con uno scolino togliete almeno metà dei fagioli e metteteli da parte.

  5. Frullate il resto delle verdure.

  6. Cuocete le tagliatelle, scolatele e unitele al passato di verdure e ai fagioli interi messi da parte.

Lasciate raffreddare.
  1. Prima di servire scaldate la minestra e condite con un filo di olio. aggiungete il parmigiano se  richiesto.

 

La ricetta  di pasta e fagioli che vi ho proposto, che ho tratto da un libro di cucina vicentina,  è caratterizzata da un abbondante trito di verdure ed erbe aromatiche che dona un profumo e un sapore interessantissimo al piatto.  Come vuole la tradizione veneta la pasta che si utilizza è all’uovo e generalmente le tagliatelle (che spesa avete trovato utilizzata anhc sin lari apici tradizionali veneti: tajadele coi fegadini e tajadele ai bisi).

E’ una minestra saporita, buona calda nella stagione più fredda, ma ottima anche servita tiepida per le serate di fine estate, inizio autunno.  Ancora più buona se lasciata  riposare un’intera notte e servita il giorno dopo!

Nella ricetta che io ho proposto, ho utilizzato il fagiolo di Lamon, un prodotto certificato IGP  che viene coltivato in quattro diverse varietà. (Spagnolit, Spagnol, Calonega, Canalino).

Il fagiolo di Lamon viene prodotto con metodi tradizionalmente ecologici, accuratamente selezionato e pazientemente lavorato. La zona di produzione della semente è limitata all’altopiano di Lamon e Sovramonte, dove la concimazione avviene solo con letame ben maturo, su terreni condotti da piccole aziende familiari, da sempre dedite alla coltivazione del fagiolo.

Esternamente ricorda molto il fagiolo borlotto, ma in realtà, il microclima dell’altopiano bellunese non essendo riproducibile altrove, fa sì che questo fagiolo abbia delle caratteristiche organolettiche particolari.

Dal punto di vista nutrizionale, il fagiolo di Lamon ha caratteristiche che cambiano a seconda che si tratti di prodotto fresco piuttosto che secco.  Il valore energetico del prodotto fresco è di circa 100 Kcal per 100 grammi, quello del prodotto secco è invece circa il triplo, ovvero 280 Kcal per 100 grammi.
Il fagiolo di Lamon contiene diversi sali minerali (Sodio, Potassio, Calcio, Ferro e Fosforo) e vitamine (Niacina, Tiamina, Riboflavina, Vitamina A e Vitamina C).

Il prodotto secco rispetto a quello fresco è più ricco in proteine, lipidi, glucidi e fibre (localizzate soprattutto nella buccia esterna), ma  meno ricco in acqua.

 

 fagioli lamon

Si dice che fu Papa Clemente VII, nella metà del ‘500,  a far in modo  che il “fagiolo” venisse diffuso in tutta la penisola, incaricando un frate, tal  Pietro Valeriano  bellunese (di qui le fortissime radici venete di questo piatto), di occuparsi della coltivazione che questi legumi, dandogli in dono dei fagioli provenienti dalla Corte di Spagna. 

Dal secondo dopoguerra in poi il fagiolo del Feltrino, meglio conosciuto con il nome del paese nel quale viene prevalentemente prodotto, Lamon, si è conquistato spazi sempre più importanti nella cucina e nella letteratura gastronomica anche a livello internazionale e il Consorzio di Tutela, istituito nel 1993, porta avanti una serie di iniziative per proteggerne l’immagine, la quantità e la qualità.

Oggi questo legume viene largamente impiegato nella cucina dal primo al dolce, si sposa amabilmente con molte verdure, con la pasta, con la carne e con il pesce e si gusta con vini corposi.
Il fagiolo di  Lamon è particolarmente adatto proprio per la minestra “pasta e fasoi”,  per la consistenza, il gusto e l’abbinamento con gli altri ingredienti. 
 
 

Questa è la mia proposta per “L’Italia nel piatto” per questo mese, il cui tema è  “I Legumi“. Di seguito quelle delle altre regioni, tutte da gustare!
banner-veneto

 

Piemonte:  Cisra, zuppa di ceci alla piemontese (blog: Fiori di pistacchio)  
Lombardia: Insalata di nervetti (nervitt in insalàda) (blog: Kucina di Kiara)
LiguriaMes-ciua (blog: Arbanella di basilico)
Emilia RomagnaMaltagliati con i fagioli (blog: Zibaldone culinario)  
Toscana: Fagioli al fiasco (blog: Acquacotta e fantasia)
Umbria: Lenticchie di Colfiorito e salsicce  (blog: Due amiche in cucina) 
AbruzzoMinestra di lenticchie e scarola (blog:  Il mondo di Betty) 
Lazio: Pasta e fagioli con le cotiche  (blog: Silvia Ferrante)
Puglia: Ceci neri con peperoni fritti (blog: Breakfast da Donaflor)
CampaniaPasta e fagioli con le cozze (blog: Fusilli al tegamino)
CalabriaZuppa di legumi misti   (blog: Il mondo di rina)  
Sicilia: Favetta cu’i Guidi e Pani Caliatu  (blog: Profumo di Sicilia
SardegnaFagioli alla Gallurese  (blog: Dolci Tentazioni d’autore) 
 
 

ciao!

elisa firma

vi aspetto  su INSTAGRAMFACEBOOK e TWITTER

 

 

fonti:

Consorzio tutela del fagiolo di Lamon, www.fagiolodilamon.it

G. Capnist e A. Capnist Dolcetta, Cucina Vicentina, Franco Muzio Editore

 

 

 
Facebook Comments

You Might Also Like

10 Comments

  • Reply
    Piccolalayla - Profumo di Sicilia
    2 ottobre 2017 at 10:13

    Che piatto ricotto e saporito… voglio provarlo anche io appena possibile. A presto LA

  • Reply
    Natalia
    2 ottobre 2017 at 15:12

    Deve essere molto saporita questa pasta così ricca di ingredienti e di profumi. La segno volentieri. Spesso ho a pranzo persone che per piatti come questo farebbe faville. Baci

  • Reply
    Elena Broglia
    2 ottobre 2017 at 21:36

    Ottimo il fagiolo di Lamon, spesso lo compro pure io, quando lo trovo, mi sembra più saporito…sarà una mia idea? Bella la tua pasta e fagioli, e dall’aspetto diverso dalla mia, quasi in brodo, ma pur sempre con pasta all’uovo! complimenti!

    • Reply
      elisa di rienzo
      2 ottobre 2017 at 21:54

      Sono d’accordo con te.. anch’io lo trovo più saporito!
      La nostra pasta e fagioli è bella densa!!!
      ciao

  • Reply
    Milena De Palma
    4 ottobre 2017 at 10:17

    Un piatto che farebbe felice figlio e marito per quanto adorano i legumi! Saporitissimo con pancetta e lardo e mi piace così cremoso!
    un abbraccio

    • Reply
      elisa di rienzo
      4 ottobre 2017 at 10:57

      Questo è un piatto che accontenta tante persone!!! 😉
      si, molto saporito! provalo e poi mi fai sapere!
      ciao
      elisa

  • Reply
    Chiara
    4 ottobre 2017 at 13:25

    Rimango sempre incantata dalla bellezza delle tue foto…che dire poi della ricetta? Come sempre magnifica! Un bacione!

    • Reply
      elisa di rienzo
      4 ottobre 2017 at 14:30

      questa volta ricetta batte foto!
      fotografare una piatto di pasta e fagioli non è stato facile!
      grazie!!
      elisa

    Leave a Reply